Home

Quelli che non esistevano più,
quelli di cui non si parla più, perché ci siamo stufati di parlarne.
Quelli: il primo incubo di una serie infinita, la piaga che persiste mentre noi ci lasciamo inebriare dal profumo dell’IMU.

Quelli usano i kalashnikov, in pieno centro, alla luce del sole,
perché è naturale, come respirare;
perché è normale, perché lo è sempre stato.

Mentre tutto va a rotoli e nessuno ha più la forza (o la voglia) nemmeno di inorridire.
Mentre la miseria e la disperazione continuano a limare, con perseveranza e dedizione, quella sottile linea che separa legalità e illegalità, e “pudore” e “senso dello stato” sono parole vuote, rimaste sull’uscio, calpestate, coperte di polvere e di sabbia.
Inutili, come un cimelio rotto che l’Ignoranza ci ha nascosto in soffitta
un giorno, uno dei tanti, in cui eravamo distratti da problemi “più urgenti”.
Quelli che guardano

5 thoughts on “Quelli.

  1. E’ bello che tu ti sia fermata in questo quartiere.
    Che tu non sia passata oltre, per la tua strada, sfilando accanto ai corpi e al sangue.
    Questo tuo impegno e coraggio, se lo preserverai dall’amarezza, dallo scoraggiamento, dal senso di impotenza, servirà a ricostruire un pezzetto di Italia.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...