Home

Siamo attoniti e impotenti spettatori di una tragedia assurda, quella di una nave riversa sugli scogli che lentamente cola a picco, troppo pesante per essere sollevata. Come una bottiglia piena d’acqua che, centimetro dopo centimetro, affonda in una vasca da bagno.

La bottiglia va a fondo tirandosi dietro tutto, impietosamente; portandosi via le sdraio sul ponte, i vassoi del self service, i giornali sui tavolini, le valigie… e le anime intrappolate in cabina.

Una riflessione breve, probabilmente sterile ma spontanea e sofferta, perché non riesco a fare a meno di pensare che in fondo siamo come piccole formiche, operose e minuscole. Agli occhi della Natura forse insignificanti.

Forse. E sempre forse, ogni tanto, faremmo bene a ricordarcelo: quando ci sentiamo invincibili, quando sfruttiamo ogni risorsa come se non ci fosse un domani, quando occupiamo la terra e il mare, li violentiamo, ne usufruiamo come se ne fossimo realmente padroni. Per poi finire, appunto, in ginocchio, disperati e sorpresi, incastrati fra gli scogli, come topi in gabbia.

3 thoughts on “Osservare impotenti

  1. E’ passata una settimana e sembra un mese. la Concordia oggi mi ricorda l’Aquila, avvolta in un silenzio atroce di morte già dimenticata. La morte degli assenti, che niente ha a che vedere con le telefonate, le accuse, il gossip. Ora è solo silenzio. Gelido, sospeso a mezz’acqua.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...